Nelle aziende di successo i problemi non fanno paura, anzi.

In questo articolo ho trattato un tema che ritengo centrale, nelle PMI, per il raggiungimento del successo d’ impresa. Analizzando l’ immagine qui sotto ho evidenziato come, in una impresa abituata a condividere i problemi, Manager e Responsabili comincino a ritrovarsi sommersi da richieste di miglioramento. Essi saranno costantemente circondati da collaboratori inclini ad evidenziare sempre le lacune aziendali.

Così nasce una mentalità rivolta al miglioramento continuo.

Direi che non c’ è da meravigliarsi. In effetti i vari Manager nell’organigramma stanno nel mezzo. E’ normale che gli stessi siano oppressi dalla parte “bassa”, i collaboratori, i quali stanno mutando il proprio atteggiamento con le nuove, inderogabili, direttive.

Inoltre spesso, dall’alto, l’imprenditore “vecchio stile” continua con un atteggiamento accentrante che male si adatta ad una organizzazione che deve gestire i problemi, determinata nel voler MIGLIORARE LE COSE.

Il Manager dovrà decidere di cambiare, sommerso dai problemi.

Se il vostro collaboratore vi allunga un elenco infinito di problemi che, come avevate detto loro, esprimono tutte le difficoltà che ogni giorno i vostri colleghi affrontano, è ora di cambiare.

" Troverete una nuova strada, solo una volta smarrita la vecchia. "

— Marc Scott, Executive Officer

Cambiare significa anche risolvere le cose in maniera diversa. Io l’ ho vissuto in prima persona. Ho capito che spesso pensiamo di essere soli, quando invece non siamo capaci di guardarci attorno. Così capita a molti Manager, che si sentono Dio, quando invece fanno fatica a capire di essere solo “uno dei tanti”.

E così di fronte a mille problemi, il Manager classico si dispera. Ci sono quelli che cercano un modo per non vedere, oppure c’ è chi comincia a “sparare” soluzioni irrealizzabili. Tutto tranne che creare una squadra determinata, come vorrebbe il concetto di leadership.

E’ un fatto mentale. Ci sono i problemi, scritti nero su bianco, ma il nostro cervello vede solo quelli, non si accorge delle “armi” a nostra disposizione per risolverli.

I Leader

Potreste far finta di niente, e farvi licenziare con calma.

Se in una azienda i collaboratori hanno dei problemi, ma essi hanno un proprio Leader che se ne prende cura, condividendo la cosa, saranno molto predisposte alla collaborazione.

Il miglioramento è una potente arma mentale perché, nel miglioramento, tutti hanno da guadagnarci. Il miglioramento tangibile ha un effetto positivo nella testa delle persone.

Esso é in grado di veicolare un valore che non troverete molto spesso… la motivazione.

Risolvendo problemi ritroverete la motivazione.

Se esiste un leader che risolve i problemi, tutto è possibile. Le persone lo sanno, lo percepiscono, così come lo percepisce anche l’ imprenditore. Andare al lavoro e trovare qualcuno che, in fondo in fondo, si prende cura di noi, non ha prezzo.

Risolvere i problemi significa in poche lettere “prendersi cura delle persone”, ed esse lo apprezzano, lo capiscono. Si genera in questo momento una forte energia positiva che io chiamo Motivazione, e che promuove coloro che evidenziano i malfunzionamenti, attribuendo perciò valore a tutto il team.

E quando il miglioramento diventa visibile, ed esso risolve realmente le cose, è nato un Leader.

Serve metodi per risolvere i problemi, non modi.

Potrei scrivere una enciclopedia sul “Come risolvere i problemi”. Il primo capitolo s’ intitolerebbe…

" Restare o farvi licenziare? "

— Fadini Alessandro, Temporary Manager

Se volete farvi licenziare non esiste miglior modo di risolvere i singoli problemi come “casi”, rispondendo alle persone con modi pratici per sfuggire al problema. Se avete mille problemi troverete quindi mille soluzioni. E così via.

Peccato però che, non ne avevate tenuto conto, i problemi, se non risolti metodologicamente, ritornano, e così succederà. Continuerete così finché ad un certo punto, sovrastati e stressati, lascerete la barca ad un altro capitano.

‘Forse non era destino!’

Spero che il vostro cervello vi suggerisca di trovare un metodo per risolvere le cose. Significa che applicandolo avrete la possibilità di ridurre i problemi che, nel medio/lungo periodo, vedrete diminuire. Le persone, con direttive per i vari “problematici casi”, non verranno più a chiedere aiuto a voi. Diversamente applicheranno la soluzione “metodica” che avrete trovato loro, procedendo spediti dove prima si erano fermati.

Il modo

Utilizzare i modi significa analizzare singolarmente i problemi, ponendo rimedio ad ognuno di essi, senza strategia alcuna.

Il metodo

Applicare un metodo significa strutturare un processo anche in circostanze problematiche, utilizzando work-flow e metodologie predittive.

Per saperne di più

Vorresti applicare anche nella tua impresa questa nuova mentalità?

Clicca qui