Il termine DIPENDENTE non mi è mai piaciuto...

Mia figlia, in auto, quando la porto a casa da scuola, mi chiede spesso quanti “amici” ho sul lavoro, perché in sostanza il termine ‘dipendente’ non mi è mai piaciuto, e non lo uso mai.

Ci penso, quando altri imprenditori mi chiedono ‘Lei quanti dipendenti ha?’… mi viene quasi da ridere. Credo che la dipendenza non abbia niente a che fare con il mondo del lavoro, quello in cui la forza del gruppo è ancora un valore fondante. Molti colleghi, titolari di aziende in ogni parte del mondo, hanno ancora in mente questo concetto. Io sinceramente credo che faccia parte di un tempo e di una mentalità destinata a fallire.

Nella nostra realtà non è così e non lo sarà mai. Nessuno di noi dipende dalla nostra azienda, lo ripeto spesso nelle varie riunioni aziendali. Non credo e non appoggio chi ogni mattina, deve venire al lavoro per portarsi a casa lo stipendio, perché dicono, ‘Se no come si fa a mangiare?’

" Come si può pensare di creare qualcosa di grande con persone che vengono al lavoro perché sono costrette? "

— Fadini Alessandro, Temporary Manager

In Italia gli unici dipendenti sono gli imprenditori.

E poi, diciamocela tutta, in realtà, soprattutto in Italia, il collaboratore è tutto tranne che “dipendente”. Anzi, direi che da un certo punto di vista, è molto più libero dell’imprenditore.

E’ evidente… il collaboratore può permettersi di andarsene quando e come vuole, e raramente un titolare di impresa può averla vinta su un collaboratore nullafacente. Il campo delle tutele per un collaboratore è abbastanza ampio, tuttavia ho sempre pensato che in realtà non abbia senso fare una valutazione di chi tra le due figure in gioco stia meglio o peggio.

Siamo fortunatamente diversi.

Ho sempre valutato l’imprenditore ed il collaboratore come due figure ben distinte; il primo, in un panorama ben definito, ha deciso di rischiare perché sa, o dovrebbe sapere, quali sono le regole del gioco ed ha deciso attraverso la propria impresa di provarci.

Il collaboratore invece, ha intrapreso la strada della collaborazione mirata ad un obiettivo, scegliendo tra le varie possibilità l’impresa con la quale collaborare.

Sono ruoli ben distinti, sono decisioni e scelte opposte.

In un mondo moderno la Dipendenza è un’altra cosa; sul luogo di lavoro esiste dal punto di vista gerarchico, ma non deve incatenare le persone a situazioni spiacevoli ed a lavori ingrati. Proprio per questo motivo nella nostra azienda abbiamo eliminato concettualmente i dipendenti, perché in una società civile collaboratori ed imprenditori mirano ad un benessere comune basato sul rispetto e sul lavoro di squadra, lontano dalle politiche e dagli interessi, percorrendo insieme una strada, spesso in salita, fatta di lavoro, passione e tanta determinazione.